L'Azienda

Brand Identity: strategie e prospettive.

Antonello Alonzo è il Responsabile Marketing e Comunicazione della Planet Beverage.

Giovane e determinato, porta avanti una strategia di comunicazione in continua evoluzione, costantemente alla ricerca di novità e idee creative, per affermare la brand identity dell’azienda con una forte differenziazione visiva e linguistica rispetto ai suoi competitor.

  • Quando hai deciso di entrare a far parte del reparto marketing e comunicazione della Planet Beverage e qual è stato il tuo percorso formativo?

“Il mio percorso formativo si è concluso esattamente un anno fa, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Piacenza; ho conseguito la Laurea Magistrale in Economia e Gestione d’Azienda, profilo General Management. È stato un percorso e profilo accademico dinamico, che mi ha fatto conoscere e approfondire diverse realtà aziendali: un percorso che mi sta guidando e mi guiderà nelle scelte e nelle dinamiche aziendali. Da sempre coltivo la passione per il marketing e per le variabili che contraddistinguono il suo significato e la sua applicazione all’interno dei contesti aziendali.

Oggi le forme di marketing e comunicazione rappresentano l’elemento di presentazione e denotazione di un brand e di un’azienda, con lo scopo di generare meccanismi di fiducia all’interno dell’ambiente dinamico in cui essa opera. Durante gli anni, le figure dei tre soci della Planet Beverage hanno intrapreso un percorso di brand identity efficace dal punto di vista della fidelizzazione della clientela e della valorizzazione dell’immagine nell’ambito territoriale.

Il mio obiettivo è integrare sempre di più l’identità aziendale ai meccanismi di innovazione tecnologica e di processo, seguendo le dinamiche del settore e le opportunità ad esse collegate.”

  • La coerenza comunicativa tra brand identity e social media è fondamentale, per costruire relazioni stabili con i clienti e fidelizzarli. Ci descriveresti quali sono gli elementi indispensabili della strategia aziendale per comunicare i valori e i punti di forza rispetto ai competitor? Come riesci ad integrare e coordinare i vari canali di comunicazione, sia online che offline?

“Come ogni strategia aziendale, anche quella della Planet Beverage si fonda su tre elementi principali: la visione degli obiettivi da realizzare nel medio-lungo periodo, il progetto per definire le azioni necessarie a realizzazione la vision aziendale e il metodo volto a sviluppare un vantaggio competitivo rispetto i competitors. L’adozione del piano strategico ha portato a consolidare la brand identity e la brand image aziendale, rafforzando il rapporto con i vari stakeholders.

Comunicare i valori aziendali e la forza competitiva dell’azienda stessa non avviene solo attraverso i social media, ma anche attraverso alcune figure aziendali che fanno parte della struttura organizzativa, “ambasciatori” della vision e dei valori aziendali. Durante gli ultimi anni abbiamo puntato ad una maggiore attenzione alle competenze professionali e know-how delle risorse umane; ciò è scaturito soprattutto dalle esigenze della nostra clientela, più attenta al prodotto finale e ai servizi che vengono offerti dalle aziende.

L’inserimento di figure come il Beer Specialist o Wine Specialist ha dato modo di implementare il nostro servizio di assistenza e consulenza rivolto alla clientela, ed attuare allo stesso tempo meccanismi di fiducia e maggiore competitività rispetto i principali competitors. Per rendere ulteriormente efficiente il nostro sistema aziendale, e di conseguenza la nostra Brand Identity, l’azienda ha ridotto i tempi di risposta da parte del nostro servizio Customer Care, aumentando in questo modo la soddisfazione della clientela.

Crediamo molto nella comunicazione online, ma senza trascurare l’importanza di quella offline e delle sue tecniche utilizzate al di fuori del web per contribuire alla crescita aziendale. Biglietti da visita, brochure, logo aziendale, attività di co-marketing, eventi dedicati a determinati settori merceologici, sono alcuni dei canali di comunicazione offline utilizzati dalla nostra azienda con l’obiettivo di rendere tangibile le nostre competenze ed esperienze.  Per testimoniare e vivere in momenti diversi ciò che viene costruito offline, è poi necessario integrare una strategia digitale congrua al piano investimenti aziendale e ad un’analisi del mercato. La nostra azienda ha adottato strategie di comunicazione legate ai principali canali digitali, tra cui l’implementazione di un sito web, i social media, SEO, e-mail marketing e advertising. La vision aziendale deve essere chiara e univoca all’interno della programmazione di un piano editoriale, affinché le strategie di entrambi i canali (offline e online) possano essere integrate correttamente.”

  • Com’è cambiata, se è cambiata, la comunicazione e il marketing della Planet Beverage durante la pandemia da Covid-19? Come hai rimodulato strategia e budget per far fronte alle problematiche sorte nel settore HO.RE.CA, e quali sono le sfide che affronterete quando tutto sarà tornato alla normalità?

“La pandemia Covid-19, e il periodo del lockdown, hanno inciso molto sul canale Ho.Re.Ca., uno dei settori più colpiti e messi alla prova ancora oggi e in futuro. Il mondo Ho.Re.Ca. sta vivendo un periodo fatto di continui cambiamenti e trasformazioni, dovute alle restrizioni imposte dal nostro governo.

Per questo l’azienda ha attenzionato maggiormente i canali di comunicazione digitali per interagire con la propria clientela, proprio per limitare il contatto fisico e osservare le normative vigenti sul territorio nazionale. Il nostro lavoro richiede il contatto interpersonale con la clientela e i fornitori; le misure di distanziamento sociale imposte dal Covi-19 hanno di fatto stravolto la nostra rete di procedure e attività aziendali.

Le principali sfide per il futuro sono sicuramente quelle di seguire le dinamiche che la pandemia Covid-19 porterà all’interno di un settore colpito duramente, messo alla prova non solo dalle normative vigenti, ma anche dal cambiamento del consumo fuori casa. Sarà un approccio legato alla prudenza sia nei momenti di acquisto che in quelli di vendita; un approccio che baserà la comunicazione sempre più sui servizi digitali offerti dall’azienda e sulle esigenze richieste dal mercato in cui l’azienda compete”.